Le statue e i piccioni

Dio guardando attraverso le nuvole scorge nel parco di una città due statue (un atleta e una giovane ninfa). Intenerito da tale visione dice loro:
-Mie dolci creature; vi concedo un’ora di libertà nella quale potrete apprezzare la vita umana con le sue gioie e i suoi dolori, ma, badate bene, dopo un’ora ritornerete statue
Le statue, ben liete di questa occasione, si appartano dietro ad un cespuglio.
Le statue e i piccioniDopo mezz’ora Dio riapre le nubi e da’ uno sguardo di sotto, ma vede solo un cespuglio che trema e strani mugolii provenienti da questo, al che richiude le nubi e decide di aspettare.
Poco dopo si ripete la stessa scena e Dio richiama i due giovani ricordando il loro impegno di non oltrepassare l’ora, ma per tutta risposta sente dire:
-Un attimo! Non abbiamo ancora finito!
Al 55′ minuto, Dio, dopo aver scostato le nubi, si avvicina al cespuglio e senza farsi sentire scosta il fogliame e rimane di sasso. Vede l’uomo chino senza calzoni, mentre l’altra stringe tra le mani un piccione proprio sotto il sedere dell’uomo e intanto dice:
-Dai, dai, spicciati a cagargli in testa che mancano 5 minuti e voglio anch’io fargli un’ultima cacatina in testa prima di ritornare statua!

Precedente Lui lei e gli altri - Raccolta Successivo Mica fesso Colino